Cambiamenti climatici: finzione o realtà?
 

Questo è il quesito con il quale ci siamo confrontati di fronte all’insorgere di strani eventi climatici: in Vallemaggia nell’ottobre del 2003 un grande albero di pero invece di lasciar cadere le foglie va in piena fioritura; in alta Valle Bedretto (a quota 2500) nel settembre del 2007 un gregge di pecore si rifugia sopra un rimasuglio di neve-ghiaccio per trovare un po’ di refrigerio; ghiacciai che si stanno riducendo in modo impressionante. A questo va ad aggiungersi un giorno in particolare, una data entrata nei record dei rilevamenti: il 19 gennaio 2007… in Ticino quel giorno la temperatura sale a 23 gradi, un caldo mai visto a gennaio da quando si registrano le misurazioni, e cioè dal 1864.

 

 

Un'oasi sulle montagne...

 

 

Di fronte a queste stranezze constatiamo l’enorme quantità di energia spesa a tutti i livelli per cercare di capire se e in che misura esse sono colpa dell’uomo, mentre in pochi stanno cercando delle soluzioni. Secondo noi se anche ci fosse solo un piccolo ragionevole dubbio che quello che stiamo facendo ha un influsso negativo sul nostro ecosistema, è un nostro dovere cercare di porvi rimedio!

 

Questa è la risposta che abbiamo voluto dare al pubblico presente venerdì 14 dicembre 2007 nell’aula magna della scuola media di Losone durante la presentazione ufficiale della nostra associazione, alla quale hanno partecipato una quarantina di persone (fra di esse erano presenti i granconsiglieri Fiorenzo Dadò e Giacomo Garzoli).

Durante la serata abbiamo presentato gli obiettivi principali che la nostra associazione vuole raggiungere, abbiamo descritto rapidamente le alternative ai combustibili fossili e abbiamo mostrato i nostri veicoli e i futuri progetti.

Come testimonianza della gravità dei problemi climatici abbiamo voluto concludere l’incontro con la proiezione di un collage di 5 spezzoni di opere cinematografiche che descrivono un’ipotetica catastrofe ambientale, film pubblicizzati come fantascientifici negli anni ’60 e dopo, ma che confrontati a dei grafici che raffigurano la realtà appaiano già meno improbabili.

 

 

La sala durante la presentazione